Cittadini per il Municipio 8: Il 10 Giugno scrivi Venturini

Le criticità di cui il Municipio VIII ed in generale Roma soffre, anche nelle zone più centrali della nostra, sono andate nel corso degli ultimi anni accentuandosi a causa dell’incapacità delle amministrazioni di tradurre in soluzioni politiche la domanda proveniente dai cittadini. L’elenco dei problemi che influiscono sulle nostre quotidiane abitudini di vita, e che rischiano da un momento all’altro di trasformarsi in emergenze, sembra non aver fine, a partire da servizi di primaria importanza, quali la sicurezza, il decoro urbano, la viabilità, la cura del verde, l’edilizia scolastica, l’accessibilità, l’illuminazione pubblica etc.

Un’offerta politica che ambisca a fornire una risposta a questi problemi richiede una capacità d’intervento immediato da parte della nuova amministrazione. A tal proposito ritengo che l’approccio post ideologico che ha caratterizzato il percorso di formazione di questo insieme di candidati ci consenta di ragionare liberamente su come migliorare le condizioni di vita di tutti noi, dei nostri figli e delle nostre famiglie nell’ambito della nostra comunità.

Siamo consapevoli del fatto che costruire un’offerta politica inclusiva e attenta alle esigenze della popolazione, in grado sin da subito di mostrare i segni tangibili di discontinuità rispetto al passato, sia determinante nel plasmare la percezione che i cittadini hanno dell’amministrazione e della cosa pubblica. Siamo pienamente consapevoli di essere investiti della responsabilità del ripristino della credibilità delle Istituzioni, a partite dal basso, come garanzia fondamentale per il pieno godimento delle libertà di ogni cittadino nel suo ambito di vita famigliare e sociale.

Ad Amedeo Ciaccheri va riconosciuto il merito di essere riuscito ad impersonare la voglia rinnovamento di una comunità disillusa. A lui, e al progetto politico che ho l’onore di rappresentare con la candidatura al Consiglio, va attribuito il merito di essere riuscito a costruire un movimento di persone tra loro diverse ma unite dalla stessa voglia di contribuire attivamente alla rinascita del nostro territorio: un movimento di cittadini capace di valorizzare le differenze per tradurre la condivisa voglia di riscatto in un’offerta politica immediatamente operativa.

C’è un momento in cui ti rendi conto che i problemi della tua famiglia sono quelli della gente comune. Un momento in cui acquisisci la consapevolezza di conoscere quei problemi per il semplice fatto che li vivi ogni giorno. Da quel momento in poi ti cominci a domandare cosa potresti fare per risolverli, e ti confronti con la possibilità di spenderti attivamente alla loro risoluzione. Capisci allora che non basta conoscere quei problemi per risolverli. Capisci che non esistono soluzioni semplici a problemi complessi, che l’unica via capace di produrre soluzioni concrete è quella “lunga, seminata di triboli… perché solo percorrendola, si impara a migliorare se stessi ed a rendersi degni della meta a cui si vuole giungere”.

Da quel momento in poi ci si pone davanti ad una scelta: restare spettatore del degrado o spendersi in prima persona per contribuire al cambiamento. Ho fatto la mia scelta nella piena consapevolezza che “il crimine piu grave è stare con le mani in mano”.

Non restare con le mani in mano, il 10 Giugno per Ciaccheri Presidente barra il simbolo della lista Cittadini per il Municipio 8 e scrivi Venturini