Bio

Mi chiamo Mirko Venturini e sono nato a Taranto nel 1982. Terminati gli studi classici mi sono trasferito a Bologna dove mi sono laureato alla facoltà di Scienze Politiche. Stabilitomi a Roma nel 2007 ho preso impiego nel settore privato ed ho contestualmente lavorato come freelance alla realizzazione e divulgazione di progetti di comunicazione digitale sul web, attività che mi è valsa nel corso degli anni la collaborazione con alcune della più affermate agenzie nella industria della comunicazione dello scenario italiano.
Nel 2014 ho avviato e diretto il progetto di comunicazione digitale di Laboratorio Democratico, associazione politica nata all’interno del Partito Democratico in seguito alla candidatura alla segreteria del partito da parte di Gianni Pittella, Senatore della Repubblica, già Eurodeputato e Presidente dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo.

Liberale, socialista e radicale, nel corso degli anni ho sostenuto tenacemente l’esigenza di una riforma strutturale della Giustizia italiana, condividendo ed appoggiando attivamente le battaglie di civiltà sulla Responsabilità Civile dei Giudici, in rispetto dell’esito referendario del 1987, sulla riforma del sistema carcerario, sulla revisione della obbligatorietà dell’azione penale, sulla regolamentazione della Custodia Cautelare in Carcere. Ho altresì sostenuto l’esigenza di un intervento legislativo liberale in materia di sostanze stupefacenti, prostituzione, e fine vita. Esercito la mia militanza politica all’interno di Radicali Roma.

Mi chiamo Mirko Venturini e sono nato a Taranto nel 1982. Terminati gli studi classici mi sono trasferito a Bologna dove mi sono laureato alla facoltà di Scienze Politiche. Stabilitomi a Roma nel 2007 ho preso impiego nel settore privato ed ho contestualmente lavorato come freelance alla realizzazione e divulgazione di progetti di comunicazione digitale sul web, attività che mi è valsa nel corso degli anni la collaborazione con alcune della più affermate agenzie nella industria della comunicazione dello scenario italiano.
Nel 2014 ho avviato e diretto il progetto di comunicazione digitale di Laboratorio Democratico, associazione politica nata all’interno del Partito Democratico in seguito alla candidatura alla segreteria del partito da parte di Gianni Pittella, Senatore della Repubblica, già Eurodeputato e Presidente dei Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo.

Liberale, socialista e radicale, nel corso degli anni ho sostenuto tenacemente l’esigenza di una riforma strutturale della Giustizia italiana, condividendo ed appoggiando attivamente le battaglie di civiltà sulla Responsabilità Civile dei Giudici, in rispetto dell’esito referendario del 1987, sulla riforma del sistema carcerario, sulla revisione della obbligatorietà dell’azione penale, sulla regolamentazione della Custodia Cautelare in Carcere. Ho altresì sostenuto l’esigenza di un intervento legislativo liberale in materia di sostanze stupefacenti, prostituzione, e fine vita. Esercito la mia militanza politica all’interno di Radicali Roma.